venerdì 24 febbraio 2017

Un libro a settimana: ADESSO


E' venerdì, olè! Dovrebbero esserci più venerdì all'interno della settimana, non trovate? Scherzi a parte, oggi sostituisco la nostra Marta presentandovi l'ultimo libro che ho letto: ADESSO di Chiara Gamberale, edizione Feltrinelli.



LA TRAMA
È molto più che un romanzo d’amore : è un romanzo sorprendente sull’amore. Esiste un momento nella vita di ognuno di noi dopo il quale niente sarà più come prima: quel momento è adesso.
Arriva quando ci innamoriamo, come si innamorano Lidia e Pietro. Sempre in cerca di emozioni forti lei, introverso e prigioniero del passato lui: si incontrano. Rinunciando a ogni certezza, si fermano, anche se la vita ha già tradito entrambi, ma chissà, forse proprio per questo, finalmente, adesso… E allora Lidia che ne farà della sua ansia di fuga? E di Lorenzo, il suo “amoreterno”, a cui la lega ancora qualcosa di ostinato? Pietro come potrà accedere allo stupore, se non affronterà un trauma che, anno dopo anno, si è abituato a dimenticare?
Chiara Gamberale cerca di raccontare l’innamoramento dall’interno. Cercare parole per l’attrazione, per il sesso, per la battaglia continua tra le nostre ferite e le nostre speranze, fino a interrogarsi sul mistero a cui tutto questo ci chiama. Grazie a una voce a tratti sognante  e a tratti chirurgica, ci troviamo a tu per tu con gli slanci, le resistenze, gli errori di Lidia e Pietro e con i nostri, per poi calarci in quel punto “sotto le costole, all’altezza della pancia” dove è possibile accada quello a cui tutti aspiriamo ma che tutti spaventa: cambiare. Mentre attorno ai due protagonisti una giostra di personaggi tragicomici mette in scena l’affanno di chi invece, anziché fermarsi, continua a rincorrere gli altri per fuggire da se stesso…
Io?
Tu.
Non sono pronto.
Nessuno lo è. In verità?
In verità ho paura.
Tanto ormai è successo.
E quando?
Adesso
PERCHE' MI E' PIACIUTO
Primo libro della Gamberale che compro (ad eccezione di quello scritto a quattro mani con Gremellini e di cui vi ho già parlato in questo post) e terminato di leggere proprio ieri sera. L'ho preso alla Libreria Ghirigoro di Garbagnate Milanese, un posto favoloso, di cui vorrei parlarvi prossimamente!
Questo libro racconta lo spazio sospeso, meraviglioso e incandescente dell'innamoramento. La scrittura della Gamberale mi piace molto, è energica, alternante, nevrotica direi. I capitoli sono brevi, all'inizio avrete la sensazione che si racconti di fatti e personaggi disconnessi gli uni dagli altri,  in realtà c'è un filo che collega tutto. Penso che questo libro offra una riflessione attenta su quello è l'innamoramento che ritengo non cambi con l'età che abbiamo, ma dipenda dalle persone che incontriamo nel nostro percorso. E' meraviglioso sentire quella pallina, sotto le costole, all'altezza della pancia...anche quando pensiamo di averla dimenticata, chissà perché si rifà viva... Ed innamorarsi di nuovo significa aprire un nuovo capitolo della propria vita e ciò implica porre la parola fine a una storia ormai terminata. C’è chi è paralizzato dall’idea dell’abbandono, e quindi un matrimonio infelice, un rapporto sentimentale senza legami ufficiali o l’ombra di una vecchia passione rappresentano una garanzia. Bravissima nel descrivere quell'istante nel nostro presente, nella vita frenetica di tutti i giorni, ciò che vorremmo e non possiamo ottenere e l'eterno contrasto tra il sogno e la cruda realtà.

LEGGILO ASSAPORANDO...
Taralli e vino bianco. 


Libreria Ghirigoro
Viale Rimembranze 18, 20024 Garbagnate Milanese